Desideri partecipare al gruppo whatsapp per questo viaggio? scansiona il codice con la telecamera del tuo smartphone o usa il link di invito https://chat.whatsapp.com/Cp1HwLN6H40GWuZmVNGOin

  • IL RAID E’ APERTO A 4X4 E A MOTO DA ENDURO CON RUOTE TASSELLATE
  • CI SONO A DISPOSIZIONE 6 POSTI NEL 4X4 DELL’ORGANIZZAZIONE PER PASSEGGERE/i

ATTENZIONE:

  • A FINE APRILE PUO’ ESSERCI MOLTO PROBABILMENTE O QUASI SICURAMEENTE NEVE SU VARI TRATTI DEL PERCORSO OFFROAD IN QUOTA, SE NECESSARIO QUINDI SARANNO APPORTATE DELLE VARIANTI CHE POTRANNO INCLUDERE PERCORSI ANCHE ASFALTATI PIU’ A VALLE.  I PARTECIPANTI SIANO CONSCI DI CIO’. NON POSSIAMO CONTROLLARE IL METEO QUINDI IN CASO DI METEO AVVERSO CI SARA’ NON POCO ASFALTO.
  • DOVREMO SOTTOSTARE ALLE NORMATIVE “ANTI COVID” QUINDI E’ POSSIBILE/PROBABILE CHE DOVREMO FARE UNO O DUE TAMPONI RAPIDI DURANTE IL VIAGGIO. POSTO CHE DOVRETE “ESSERE IN REGOLA” PER SALIRE IN TRAGHETTO / SBARCARE IN ALBANIA, PROBABILMENTE SARA’ DA FARE UN TAMPONE RAPIDO A SCUTARI PER ENTRARE IN MONTENEGRO E UNO A BIHAC PER ENTRARE IN CROAZIA.

PROGRAMMA DEL VIAGGIO:

23 Aprile: IMBARCO AD ANCONA (per chi non scende a Tirana via terra)

Alle ore 19 imbarco sul traghetto Adria Ferries da Spalato ad Ancona.

24 Aprile: TIRANA – PESHKOPI

ARRIVO DEL TRAGHETTO DA ANCONA CIRCA ALLE ORE 09. Info qui: Adria Ferries. Incontro con lo Staff fuori della zona doganale in porto e partenza per Peshkopi. Tappa parzialmente esplorativa, anche se la maggior parte del percorso di questa giornata è già stato fatto nelle edizioni precedenti.

IL TRAGHETTO NON E’ INCLUSO NEL VIAGGIO, OGNUNO SI DEVE GESTIRE AUTONOMAMENTE (non è ovviamente obbligatorio prendere quel traghetto, chi abita a nordest può preferire scendere a Tirana via terra, chi abita in Sud Italia preferirà ovviamente la linea da Bari…)

25 Aprile: PESHKOPI – SCUTARI

Tappa esplorativa! Nel 2021 abbiamo tentato una traversata esplorativa impegnativa ma che non è andata a buon fine. Nelle edizioni precedenti la tappa era principalmente asfaltata. Questa è la vera avventura… non sempre va liscia al primo colpo. Ora ci riproviamo, ovviamente per un percorso leggermente diverso, per superare (aggirare) le difficoltà incontrate l’anno scorso. La tappa (percorso / gpx) è stata decisa a dicembre 2021 e la traccia verrà fornita ovviamente agli iscritti, come le altre tracce del raid.

26 Aprile: SCUTARI – ZABLJAK, 229 km (40% OFF) / ALTITUDINE MAX: 1788 m

Questa tappa è la medesima (e già testata varie volte) e la trovate descritta nel link  della ediz. di luglio che però viene fatta nel “classico” verso da Trieste a Tirana e non viceversa. La riportiamo qui per vostra comodità ma tenete conto che la descrizione è “alla rovescia”:

Ieri con l’asfalto (meraviglioso) vi siete un po’ riposati. Oggi vi aspetta un’altra tappa molto tosta. Lasciato il bel paesino di alta montagna di Žabljak, ci addentriamo nei grandi spazi montuosi del Montenegro e – so che sono mostruosamente ripetitivo ma non c’è soluzione – anche oggi panorami da infarto. Montagne prive di vegetazione (alberi) data l’altitudine, antiche tracce appena visibili su immense distese erbose, Ogni volta questa tappa mi lascia senza parole e veramente in estasi fuoristradistica! E si arriva infine (70 km dalla partenza) a Kolasin, piccolo e vivace paese montenegrino, ove ci fermiamo per una veloce pausa pranzo. Nel pomeriggio un altro impegnativo tratto fuoristrada attraverso piste praticamente abbandonate anche dagli autoctoni, che ci portano fino a Podgorica. Poi proseguimento per asfalto fino a Scutari. Cena e pernottamento in Hotel. NOTA: E’ POSSIBILE FARE LA SECONDA PARTE DELLA TAPPA SU ASFALTO IN CASO DI CONDIZIONI METEO AVVERSE O DI STANCHEZZA. TAPPA IMPEGNATIVA.

27 Aprile: ZABLJAK – SARAJEVO, 190 km di asfalto e panorami spettacolari, ALTITUDINE MAX: 1861

Tappa parzialmente esplorativa – Questa tappa è (era) l’unica completamente asfaltata del 6 Natios Raid, ma la maestosità dei panorami montenegrini ripagava ampliamente dells “mancanza di sterrato”. Le catene montuose che separano Sarajevo da Zabljak sono infatti estremamente difficili da passare se non per le principali strade asfaltate. In questa edizione del raid proviamo però ad aggiungere due piccole varianti per spezzare il seppur bellissimo percorso. un breve variante in Bosnia Erzegovina e una un po’ più lunga in Montenegro. I km passando da 190 a 175 circa.

Qui la descrizione della tappa classica delle edizioni precedenti, quindi da Sarajevo verso sud. Partenza da Sarajevo alle ore 09 per Foča, poi avanti fino al confine con il Montenegro. Dal confine in poi si percorre una delle più belle strade asfaltate del sud Europa, che vi porta a Žabljak. Da un profondo canyon, spettacolare e impressionane con la sua diga e il lago che essa ha creato, inziamo a salire lungo il monte, attraverso una strada con tante gallerie scavate “a mano” nella pietra viva… alcune di esse hanno tornanti al loro “interno” e una o due addirittura dei bivi… ovviamente nella oscurità assoluta. Non è una strada per deboli di cuore, credetemi. Meravigliosa. Una volta arrivati in cima poi siete nel mezzo del Parco Nazionale del Durmitor, un’ambiente di una bellezza che toglie il fiato! Veramente una tappa di goduria assoluta. Cena e pernottamento in un Hotel di montagna 3 o 4 stelle a seconda della disponibilità.

28 Aprile: SARAJEVO – MOSTAR, ca. 280 km (60% OFF) / ALTITUDINE MAX: 1557

Questa tappa è la medesima (e già testata varie volte) e la trovate descritta nel link  della ediz. di luglio che però viene fatta nel “classico” verso da Trieste a Tirana e non viceversa. La riportiamo qui per vostra comodità ma tenete conto che la descrizione è “alla rovescia”:

UNA DELLA TAPPE PIU’ IMPEGNATIVE E STUPENDE DEL VIAGGIO, che in verità vi stupirà ogni giorno! Oggi i panorami – già belli ieri – diventano ancora piu’ affascinanti! valli, prati verdi, villaggi sperduti e canyon. Uno dei tratti piu’ belli del viaggio! Dopo la pausa pranzo ci aspettano uno dei percorsi più affascinanti e impegnativi del viaggio (totale 40 km di asfalto e 95 di OFF) per selvagge valli e montagne, lungo strade dimenticate da Dio e dagli uomini che ci portano ad affrontare lo spettacolare avvicinamento e discesa risalita dal Canyon del Diavolo, così chiamato dalla popolazione musulmana locale. Superato il canyon siamo nella zona di Lukomir, una delle zone piu’ belle del viaggio: insomma oggi una tappa assolutamente epica! Cena in ristorante in centro e pernottamento in Hotel.

29 Aprile: MOSTAR – BIHAC, 306 Km (40% OFF) / ALTITUDINE MAX: 1360

Questa tappa è la medesima (e già testata varie volte) e la trovate descritta nel link  della ediz. di luglio che però viene fatta nel “classico” verso da Trieste a Tirana e non viceversa. La riportiamo qui per vostra comodità ma tenete conto che la descrizione è “alla rovescia”:

Tappa lunga ma relativamente veloce, dalle grandi emozioni! Lasciamo Bihać per affrontare un tratto asfaltato molto piacevole/scorrevole e poi iniziamo a percorrere delle belle strade bianche con alcuni tratti leggermente più impegnativi e un po’ di asfalto. Attraversiamo delle zone collinose/pianegganti, ideali per un fuoristrada di tipo turistico. C’è poi una discesa tecnica (leggermente impegnativa per i bicilindrici) per arrivare a Drvar. Questa cittadina – poco più di un villaggio –  è un luogo dalla economia piuttosto depressa, si respira un’aria di frontiera… molto interessante da vedere, molto diversa dalle cittadine viste finora. Poi ci aspetta ancora una bella e veloce cavalcata su asfalto ma non è asfalto come in Italia, niente statali trafficate e ingorghi: qui non si incontra un auto per kilometri, immersi in un ambiente naturale meraviglioso. Raggiungiamo la piccola cittadinaTomislavgrad e saliamo verso un lago di montagna di , per poi ricomnciare il fuoristrada, sempre in an ambiente “da urlo”. Infine l’asfalto ci porta alla mitica Mostar, che non ha bisogno di presentazioni. Cena in un ottimo ristorante tradizionale a due passi dal ponte vecchio. Pernottamento in Hotel a Mostar.

30 Aprile: BIHAC – BUJE, 320 Km (35% OFF) / ALTITUDINE MAX: 986 m

Questa tappa è la medesima (e già testata varie volte) e la trovate descritta nel link  della ediz. di luglio che però viene fatta nel “classico” verso da Trieste a Tirana e non viceversa. La riportiamo qui per vostra comodità ma tenete conto che la descrizione è “alla rovescia”:

Alle ore 08.30 partenza dal B&B. Iniziamo (dopo pochi km) con una bella traversata off del nord Istria (con percorsi off road, in alcuni tratti impegnativi) e la costa del Quarnero sulla costa dalmata ove affrontiamo altro fuoristrada abbastanza scorrevole: corriamo con negli occhi i panorami mozzafiato sulla costa e le isole. Ci addentriamo quindi nei monti del Velebit, in un ambiente ora diverso dalla parte costiera, ci avviciniamo ora alle grandi foreste. Ancora off misto a asfalto, poi trasferimento verso Bihac, e se siamo in tempo (e usualmente non lo siamo mai LOL) visita alla base antiatomica abbandonata. Cena e pernottamento in Hotel 3***.

1 Maggio: fine dell’evento